Passa ai contenuti principali

Libri


A
Aciman André, Chiamami col tuo nome
Allende Isabel, Lungo petalo di mare
Archer Jeffrey, Solo il tempo lo dirà, saga dei Clifton volume 1
Atwood Margaret, Il racconto dell'ancella
Auci Stefania, I Leoni di Sicilia e L'inverno dei Leoni
Avallone Silvia, Acciaio
Avallone Silvia, Un'amicizia

B
Baronciani Alessandro, Quando tutto diventò blu
Barreau Nicolas, Gli ingredienti segreti dell'amore
Boccardi Luciana, La signorina Crovato
Burton Jessie, Il miniaturista
Bussi Michel, La doppia madre
Bussi Michel, Mai dimenticare
Bussi Michel, Nulla ti cancella
Bussi Michel, Usciti di Senna

C
Coe Jonathan, Io e Mr Wilder
Cognetti Paolo, La felicità del lupo
Collins Suzanne, Hunger Games - Ballata dell'usignolo e del serpente
Costantini Roberto, Una donna normale
Costantini Roberta, Una donna in guerra

D
D'Urbano Valentina, Quella vita che ci manca
D'Urbano Valentina, Tre gocce d'acqua
Deaver Jeffery, La lacrima del diavolo
Dicker Joël, Il caso Alaska Sanders
Di Pierantonio Donatella. L'arminuta

F
Ferrante Elena, I giorni dell'abbandono
Ferrante Elena, La figlia oscura
Fontana Giorgio, Prima di noi

G
Galbraith Robert, Sangue inquieto
Grandes Almudena, Gli anni difficili
Grandes Almudena, La figlia ideale
Grandes Almudena, Malena, un nome da tango
Grossman Vasilij, Stalingrado

H
Haratischwili Nino, L'ottava vita (per Brilka)
Honeyman Gail, Eleanor Oliphant sta benissimo
Hornby Nick, Proprio come te
Hornby Nick, Un ragazzo

I
Irving John, Il mondo secondo Garp
Irving John, Le regole della casa del sidro

K
Kerr Philip, Violette di marzo
Kinsella Sophie, I love shopping

L
Lagioia Nicola, La ferocia
Leavitt David, Il decoro
Link Charlotte, Venti di tempesta (la trilogia)
Lucarelli Selvaggia, Crepacuore

M
Malzieu Matthias, Una sirena a Parigi
Marías Javier, Berta Isla
Mastrolonardo Raffaello, Gente del Sud. Storia di una famiglia
Maurensig Paolo, Canone inverso
Maurensig Paolo, La variante di Lüneburg
Montanaro Giovanni, Il libraio di Venezia
Montfort Vanessa, Donne che comprano fiori
Morrey Beth, La seconda vita di Missy Carmichael
Mukherjee Abir, Un male necessario

N
Natsukawa Sōsuke, Il gatto che voleva salvare i libri
Nevo Eskhol, Nostalgia

O
Oates Joyce Carol, La figlia dello straniero
Oates Joyce Carol, Scomparsa

Oates Joyce Carol, Sorella, mio unico amore
Oates Joyce Carol, Una famiglia americana

P
Perrin Valérie, Tre
Petrignani Sandra, La corsara
Postorino Rosella, Le assaggiatrici

Q
Que Mai Nguyen Pahn, Quando le montagne cantano

R
Raimondi Daniela, La casa sull'argine
Rekulak Jason, Teddy
Rowling, J.K., Il maialino di Natale
Rushdie Salman, La caduta dei Golden

S
Serrano Marcela, Il giardino di Amelia
Serrano Marcela, Noi che ci vogliamo così bene
Smith Zadie, Denti bianchi

T
Tanizaki Jun'ichirō, La gatta
Timi Filippo e Albinati Edoardo, Tuttalpiù muoio
Tolstoij Lev, Guerra e pace
Tuti Ilaria, Fiore di roccia
Tyler Anne, La danza dell'orologio

V
Vacchetta Massimo, Raccontami qualcosa di bello

W
Westover Tara, L'educazione

Y
Yanagihara Hanya, Verso il paradiso

Z
Zannoni Bernardo, I miei stupidi intenti
Zimmer Bradley Marion, Le nebbie di Avalon 

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Denti bianchi, di Zadie Smith

Leggo poca letteratura italiana. Lo ammetto, è così. Ci sono autori che mi piacciono molto, ma tendenzialmente le mie letture sono straniere. Non è una forma di snobismo o di esterofilia, è solo che trovo che gli autori italiani contemporanei non abbiano più la capacità di sfondare le pareti di casa e farvi entrare il mondo. Una volta ci riuscivano: la Morante, Moravia, Calvino, Pavese, la Deledda, Pirandello… nelle storie umane intime trapelava quello che erano la società, i costumi, le idiosincrasie e i grandi avvenimenti. Testori, uno su tutti, era un mago in questo con le sue storie di operai e prostitute che riflettevano la dignitosa miseria del proletariato milanese. Ora, la sensazione è che non ne siano più capaci. Le storie si avvitano sempre un po’ intorno all’ombelico dei protagonisti e lì rimangono, più o meno dolorose o divertenti, più o meno quotidiane o particolari, ma sempre piccole storie di piccole persone restano. E questo va incontro al gusto di molti che amano le pi