Passa ai contenuti principali

I Goldbaum, di Natasha Solomons


I Goldbaum
 
è un libro che parla di soldi e di come i soldi possono fare la differenza, ma anche di come in tempo di guerra a poco servono quando dall'altra parte dello sportello della banca siede la morte.

I Goldbaum compongono una grandissima famiglia di banchieri ebrei e vivono un po' in Austria e un po' in Inghilterra, cosa che va benissimo fino agli anni Dieci, che corrono velocissimi verso la Grande Guerra, che li vedrà parenti, soci e - sulla carta - nemici.
I Goldbaum si sposano tra di loro ed è così che Greta, austriaca, bella, ribelle e anticonformista, sposa il cugino Albert, inglese, bello e rigidamente legato all'etichetta, e si trasferisce da Vienna a Temple Court, vicino a Londra. L'inizio del matrimonio è tiepido e anche tormentato: non si amano, non si conoscono proprio, Albert si vergogna dei modi eccentrici della moglie e Greta lo trova noioso e stereotipato; ma piano piano iniziano ad apprezzarsi e ad amarsi. La suocera di Greta le regala un terreno in cui lei inizia a coltivare uno splendido giardino, che diventerà la sua "missione", il suo rifugio.

Intanto, in Europa i venti che soffiano sono di guerra. Gli ebrei vengono malvisti e così gli austriaci in Inghilterra. Gli uomini Goldbaum sono al fronte, e anche se sono in posti di prestigio rischiano come soldati di non tornare a casa...
E poi a Vienna, nelle fondamenta del grandioso e rilucente palazzo Goldbaum, c'è un mondo sotterraneo, in cui regna la miseria, da cui però uscirà un uomo, Karl, che sarà molto importante nella vita dei Goldbaum... perché i soldi possono tanto, ma alla fine, non tutto...

Un bellissimo libro, scritto in modo elegante, che disegna personaggi coerenti ed empatici.

Il commento è breve, perché ho letto questo romanzo tra un lavoro e un altro, l'ho letto un po' male, senza potermi immergere come avrei voluto nella vicenda. Un libro che probabilmente rileggerò; sicuramente ne leggerò altri di Natasha Solomons, sicuramente Un perfetto gentiluomo.

I Goldbaum, di Natasha Solomons, Neri Pozza, 2019, 476 pagine. Traduzione di Laura Prandino

 

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Berta Isla, Javier Marías

Berta Isla è l'esempio perfetto di romanzo che continui a leggere senza riuscire a smettere, anche se in fondo non sai perché; che ti tiene incollata alla lettura, anche se in realtà non c'è una vicenda appassionante da seguire, né un finale misterioso da scoprire, né tantomeno azioni al cardiopalma da non poter interrompere. Berta Isla è un "dietro le quinte", e non a caso uso la metafora teatrale (io che del teatro mi nutro da sempre). È l'omino del cervello dei personaggi di le Carré, di Ludlum, di Follett... è ciò che succede laddove tutto ha inizio e tutto finisce nonostante quello che ci capita: la nostra anima. Siamo abituati a leggere libri di spionaggio al cardiopalma (Ludlum) o che scoperchiano complotti internazionali (le Carré) o che raccontano con eleganza le vicissitudini "quotidiane" dell'agente segreto in missione (l' Ashenden  di Maugham). È un genere che amo molto e di cui ho letto parecchio. Ma mai avevo incontrato un romanzo