Passa ai contenuti principali

Un male necessario, di Abir Mukherjee


L'ho comprato d'impulso con la promozione Feltrinelli due libri a 10 euro. L'ho comprato attratta dalla sinossi e dalla copertina con l'asinello. Non ho fatto bene, ho fatto benissimo. Abir Mukherjee, britannico di origini indiane, ha vinto il premio letterario Ellis Peters Historical Award con il libro precedente a questo, L'uomo di Calcutta, con protagonista sempre Sam Wyndham, capitano della polizia inglese di stanza nella capitale del Bengala Occidentale. La vicenda si svolge nel 1920, quando Wyndham e "Surrender-Not" Banerjee, sergente indiano, sono testimoni dell'omicidio del principe ereditario Adhir  Singh Sai di Sambalpore a opera di un killer professionista abbigliato e truccato come un seguace di Jagannath, il dio senza braccia e senza gambe, dai grandi occhi, "originario" di Puri (Orissa). Ma, come spesso succede, la religione cela scopi molto terreni. L'indagine porterà Wyndham e Banerjee al Palazzo del Sole di Sambalpore, tra grandi lussi, complessi intrecci politici, affollati zenana (le zone destinate alle donne), intricate discendenze e moltissimo mistero. 

La trama gialla è intrigante e con un finale a sorpresa (anche se un po' prevedibile), ma la ricchezza di Un male necessario sta nella scoperta di tante curiosità su un Paese così misterioso, affascinante e potente come l'India e sui complicati e spesso ostici rapporti tra indiani e inglesi. Belle le pagine dove Mukherjee descrive gli ambienti, i riti celebrativi degli dèi, gli abiti e i gioielli, i funerali, con le pire e gli elefanti che si inginocchiano e piangono:

«È sorpreso?», disse Arora. «Quando un figlio del cielo torna a casa, perché anche gli animali non dovrebbero essere tristi?».

Ma ancora più interessante è andare alla scoperta dell'India "verace", lontana dai pregiudizi degli occidentali, soprattutto riguardo al trattamento delle donne:

Lasci i suoi pregiudizi a Calcutta. O meglio ancora, a Londra. Alcune donne dello zenana sono le affariste più in gamba di Sambalpore.

In particolare mi è piaciuta moltissimo la parte dell'interrogatorio di una donna dello zenana: un interrogatorio strano, visto che il capitano non può vedere l'interrogata, molto interessante nel suo svolgimento, che mette in risalto come il nostro immaginario da serie tv occidentali ci preclude tutto un altro mondo, fatto di usi e costumi diversi, interessanti e altrettanto carichi di suspence.

Perché è vero, ammettiamolo, abbiamo in testa, più o meno tutti, un'immagine preconfezionata dell'India e pensiamo che sia la realtà. In parte, naturalmente, lo è, ma c'è molto di più. 

Questa è l'India, capitano. (...) La veda com'è davvero, non come i vostri imperialisti e professori di orientalismo vogliono farle credere che sia. Finché non lo farà, non ci comprenderà mai.

Lontano dalla complessità e dalla "corposità" di romanzi come Shantaram di G. D. Roberts, o La città della gioia di D. Lapierre, o La grande pioggia di L. Bromfield, questo giallo, leggero e fresco, ci porta nondimeno alla scoperta di questo mondo esotico e particolare, con una struttura da romanzo giallo alla Agatha Christie (la ricorda molto, soprattutto in certe atmosfere à la Assassinio sull'Orient Express) e tutto il sapore esotico del libro ambientato in un luogo così affascinante e misterioso come l'India. Imperdibile!

Note a margine: Amo questo genere di gialli, che insieme al mistero e alla curiosità di scoprire chi è l'assassino, ci accompagnano alla scoperta di ambienti e tradizioni diverse dalla nostra. Una grande ricchezza, perché impariamo cose nuove con la leggerezza di un intreccio intrigante. Mi spiace solo che questo sia il secondo libro di una serie che inizia con L'uomo di Calcutta e finisce con Fumo e cenere. Li prenderò perché ci sono personaggi che sono chiaramente introdotti nel primo e che mi piacerebbe approfondire. Ma anche se è il secondo si legge benissimo e non si sente la mancanza di una "premessa".

Un male necessario, di Abir Mukherjee, Universale Economica Feltrinelli/Noir, 2019, traduzione di Alfredo Colitto, 342 pagine. Traduzione di Alfredo Colitto

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. Per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Berta Isla, Javier Marías

Berta Isla è l'esempio perfetto di romanzo che continui a leggere senza riuscire a smettere, anche se in fondo non sai perché; che ti tiene incollata alla lettura, anche se in realtà non c'è una vicenda appassionante da seguire, né un finale misterioso da scoprire, né tantomeno azioni al cardiopalma da non poter interrompere. Berta Isla è un "dietro le quinte", e non a caso uso la metafora teatrale (io che del teatro mi nutro da sempre). È l'omino del cervello dei personaggi di le Carré, di Ludlum, di Follett... è ciò che succede laddove tutto ha inizio e tutto finisce nonostante quello che ci capita: la nostra anima. Siamo abituati a leggere libri di spionaggio al cardiopalma (Ludlum) o che scoperchiano complotti internazionali (le Carré) o che raccontano con eleganza le vicissitudini "quotidiane" dell'agente segreto in missione (l' Ashenden  di Maugham). È un genere che amo molto e di cui ho letto parecchio. Ma mai avevo incontrato un romanzo