Passa ai contenuti principali

L'arminuta, di Donatella Di Pierantonio


 Lo dico subito: non mi sono strappata i capelli. Anzi. Ho letto L'arminuta di Donatella Di Pierantonio spinta dall'enorme entusiasmo suscitato da questo romanzo vincitore del Premio Campiello 2017 e tornato in auge dopo l'uscita del suo seguito Borgo Sud, candidato allo Strega di quest'anno. Per carità, è scritto bene, l'ho letto in un giorno e mezzo, la storia acchiappa. Ma... c'è sempre quel "ma" che mi aleggia intorno quando leggo letteratura italiana "molto" contemporanea. Sono pochi gli autori che sfuggono a questo "ma" (Scurati, Fontana, Ammanniti, Ferrante...). 

La storia è molto semplice: l'arminuta, che significa in dialetto abruzzese «la ritornata», torna in seno alla famiglia di origine, di cui non conosce nemmeno l'esistenza, e da cui era stata allontanata per varie cause legate all'indigenza della coppia dei genitori naturali. Il passaggio è durissimo: lei, abituata dalla famiglia "affidataria" agli agi della città e a una situazione economica soddisfacente, si ritrova in un contesto di estremo disagio, tra persone che non conosce, a sentire parlare una lingua sconosciuta (il dialetto stretto delle montagne abruzzese) e a dividere spazi piccoli e scomodi con persone a lei estranee. nonostante siano fratelli e sorella. La madre, che lei sceglie di non chiamare mai «madre», anche se è capace, a tratti, di gesti di tenerezza malcelata; il padre, perlopiù assente e violento quando presente, i fratelli arroganti e strafottenti che la prendono in giro e la spaventano con scherzi spesso crudeli, diventano la realtà quotidiana di una ragazza che va a una buona scuola media di città, studiosa, abituata a uscire con le amiche, a una casa sulla spiaggia e a una madre profumata ed elegante. Per fortuna, in questa casa maleodorante e disordinata ci sono anche Vincenzo e Adriana, il fratello pericoloso e "zingaro" che la vede donna e la porta sull'orlo dell'irreparabile, ma che la lascerà troppo presto per varcare il limite; e la sorella, grezza e intelligente, che si trasformerà in ancora di salvezza e oggetto d'amore. 

Perché è stata riportata? Perché le sono state tolte la sua vita e la sua famiglia per finire in questa accozzaglia di gente zotica e senza soldi? Tra sensi di colpa, complessi di inferiorità, rabbia e tremenda delusione si scoprirà il vero motivo dell'abbandono e la possibilità o meno di perdonare e tornare ad amare. 

Una storia familiare dolorosa e cocente, senza dubbio. Scritta con un linguaggio secco, ma evocativo, che parla di disparità: tra luoghi, tra persone, tra stili di vita, tra sentimenti. Colpisce e commuove, senza dubbio. Ma... 

Note a margine: Le note a margine sono in questo caso direttamente collegate a quel "ma". Forse ho sbagliato momento. Venivo da Prima di noi di Giorgio Fontana, una storia familiare potentissima e indissolubilmente legata alla Storia del paese, intessuta di citazioni ed estremamente elegante nel linguaggio. Uno di quei romanzi di grande respiro che amo moltissimo e che mi lasciano addosso una sensazione di soddisfazione e appagamento. Questo L'arminuta vola via, troppo. I personaggi sono interessanti, ma hanno "vita breve"; il contesto è volatile: capisco la voglia di rendere universale la vicenda, ma non c'è una notazione all'ambiente in cui si svolge, se non nelle descrizioni di un disagio domestico, che però resta relegato agli atteggiamenti umani ma che niente ci dice del luogo. Non c'è contesto storico: quando si svolge? Quali sono le condizioni storico-sociali in cui si muovono i personaggi? Mi sembra tutto un po' appiccicato lì, un po' anche un'occasione sprecata. Il racconto dell'abbandono, del senso di inadeguatezza, di rifiuto, di disperato bisogno di risposte, delle radici... si perde tutto in un racconto scritto bene, ma frettoloso in cui non sono riuscire a entrare in empatia con i personaggi, se non, forse, con Adriana, a cui ci si affeziona, ma che, anche lì, rimane come il raggio di un faro che illumina, salva, ma presto passa via... 

L'arminuta, di Donatella Di Pierantonio, Einaudi, 2017, 176 pagine.

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. Per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Quella sporca dozzina di libri top (i migliori del 2021)

 Non amo particolarmente le liste (sono una cartacea, per cui la mia lista è scritta a mano in un taccuino), ma vorrei fare un resumé  del mio anno letterario, citando solo i libri che più mi sono piaciuti, con un piccolo commento (ogni libro citato corrisponde a un post con il commento completo). L'ordine è di lettura, non di merito. Iniziamo... - Le regole della Casa del Sidro , di John Irving: il mio secondo libro preferito di un autore che amo moltissimo. Il primo è Hotel New Hampshire . Consigliato a chi ama i libri lunghi, che indugiano sul carattere dei personaggi, dettagliati e molto intelligenti, che affrontano temi importanti importanti. Leggi qui il post - Eleanor Oliphant sta benissimo , di Gail Honeyman. Consigliato a chi cerca un personaggio femminile particolare, curioso; a chi ha voglia di passare un po' di tempo con un'amica. Leggi qui il post - Sangue inquieto , di Robert Galbraith (ovvero J.K Rowling). Ça va sans dire , consigliato a chi ama Cormoran Str

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig. Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Denti bianchi, di Zadie Smith

Leggo poca letteratura italiana. Lo ammetto, è così. Ci sono autori che mi piacciono molto, ma tendenzialmente le mie letture sono straniere. Non è una forma di snobismo o di esterofilia, è solo che trovo che gli autori italiani contemporanei non abbiano più la capacità di sfondare le pareti di casa e farvi entrare il mondo. Una volta ci riuscivano: la Morante, Moravia, Calvino, Pavese, la Deledda, Pirandello… nelle storie umane intime trapelava quello che erano la società, i costumi, le idiosincrasie e i grandi avvenimenti. Testori, uno su tutti, era un mago in questo con le sue storie di operai e prostitute che riflettevano la dignitosa miseria del proletariato milanese. Ora, la sensazione è che non ne siano più capaci. Le storie si avvitano sempre un po’ intorno all’ombelico dei protagonisti e lì rimangono, più o meno dolorose o divertenti, più o meno quotidiane o particolari, ma sempre piccole storie di piccole persone restano. E questo va incontro al gusto di molti che amano le pi