Passa ai contenuti principali

Americanah, di Chimamanda Ngozi Adichie

 


Questo libro è per la nostra generazione futura, ndi na-abia n' iru: Toks, Chisom, Amaka, Chinedum, Kamsyonna e Arinze.
Per mio padre nel suo ottantesimo anno.ù
E, come sempre, per Ivara.

 Questi bianchi pensano che tutti abbiano i loro problemi mentali.

Il libro è bello, scritto benissimo, interessante, anche se mi è piaciuto di più Metà di un sole giallo, più potente, più "completo". Non capisco l'esergo di Eggers che dice che è «un'epica generazionale divertentissima», perché francamente di divertentissimo ci trovo ben poco. Forse i post che la protagonista Ifemelu scrive in America sul suo blog Razzabuglio, o varie osservazioni sui Neri Americani (un tempo noti come negri) da parte di una Nera Non Americana (da leggere soprattutto quello a pagina 351, Obama è qualcosa di diverso da un nero?).

La trama è semplicissima: Ifemelu e Obinze si amano in Nigeria; Ifemelu si trasferisce in America per studiare e per una serie di ragioni sparisce, lasciando Obinze senza una spiegazione; Obinze va a vivere in Inghilterra ma viene espulso; tornano entrambi in Nigeria e si ritrovano. 
Nei rispettivi Paesi di passaggio, entrambi sognati e idealizzati dai nigeriani in patria - l'America è sempre l'America e l'Inghilterra pure - vengono trattati da immigrati più o meno graditi. Fanno mille lavoretti, scendono a compromessi - che per le donne sono ovviamente sempre quelli, che hanno a che fare con il sesso -, provano a inventarsi una vita. Ma poi tornano alla Naija (termine con cui i nigeriani chiamano affettuosamente la Nigeria). E tornano con un bagaglio occidentale che viene in parte invidiato, in parte ammirato, in parte detestato da chi è rimasto. Contenere due culture non è facile, ma il senso di appartenenza vince sempre, alla fine.

Obinze e Ifemelu cambiano, ma forse cambiano in modo talmente simile da continuare a riconoscersi. Ci vogliono anni e tanti chilometri per sentirsi vicini...

Bello, ma un po' confuso in certe parti, un po' dispersivo. Che ci sta, anche i personaggi sono dispersi, ma in certi momenti risulta un po' "stanco". Questo nulla toglie al valore dell'argomento: l'identità e l'amore sono anche, sì, una questione geografica. E soprattutto culturale. Ma il mix è sempre vincente, se si sanno distinguere gli ingredienti e mescolarli nel modo giusto.

Americanah, di Chimamanda Ngozi Adichie, Einaudi, Super ET, 2014 (2013), 494 pagine. Traduzione di Andrea Sirotti

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Scomparsa, di Joyce Carol Oates

I libri della Oates sono grandi romanzi americani. Penso che su questo non si possa discutere, se non per gusto di polemica immotivata. Le vicende private delle famiglie di cui parla, sono lo specchio di una società egoriferita e malsana in certi reiterati comportamenti pubblici e privati, che parlano di un'intera cultura pur restando nei fragili confini delle mura domestiche. Questo Scomparsa è il quarto libro che leggo della Oates – dopo Il giardino delle delizie , I ricchi e Sorella, mio unico amore –  e in tutti ho trovato lo stesso schema significante. Il che non vuol dire che sono ripetitivi, tutt'altro, ma che hanno un chiaro stile che io chiamo, a carrello all'indietro: dal particolare all'universale. La letteratura che piace a me. Lo dico subito: questo commento è rivolto soprattutto a chi il libro l'ha letto perché contiene spoiler, per forza di cose; perché con un libro così è inevitabile qualsiasi cosa si dica, e in fondo non è poi così importante; ma