Passa ai contenuti principali

La signorina Crovato, di Luciana Boccardi

La signorina Crovato non è il mio genere, ma visto che mi è stato regalato da un'amica carissima, l'ho letto e mi è piaciuto moltissimo (confermando il fatto che quando un'amica ti conosce riesce a regalarti il libro giusto, anche quando sembra che non lo sia).

La vicenda di Luciana – la signorina Crovato – inizia a Venezia nel 1936, quando il padre, sorpreso dal violento incendio di un cinema, deve rimanere mesi in ospedale fino a uscirne cieco e duramente provato nel corpo e nello spirito. Il giorno dell'incidente segnerà l'inizio di una vita "nomade", di famiglia in famiglia, per la piccola Luciana, che alla fine tornerà a casa in seno a mamma e papà, che però non sono più gli stessi. E nemmeno lei lo è, così ferita e allo stesso tempo temprata dall'essere stata costretta a crescere in fretta e capace dei più vari e umili lavori. Le cose a quei tempi non funzionavano come ora: le bambine affidate a famiglie estranee per disgrazia, dovevano lavorare, aiutare, erano le ultime ruote del carro. 

Ma Luciana, volonterosa e dal carattere dolce, sarà capace di crescere forte e libera, affrontando i duri anni da "quasi orfana" e poi gli ancora più duri anni in famiglia, con una madre stanca e povera e un padre sconfitto, frustrato e alla fine alcolizzato. Ma nonostante le difficoltà, le ristrettezze, la guerra, due cose non mancano mai a casa Crovato: la passione e l'amore. La passione con cui il padre suona e porta avanti le sue idee comuniste e anti-clericali con coerenza e coraggio e l'amore tra i componenti, anche quelli che sembrano più "ostili" come la nonna. La signorina Crovato è un libro sul come l'amore in famiglia può far superare qualunque ostacolo.

Lo stile antiquato, ma potente di Luciana Boccardi rende il libro molto scorrevole e piacevolissimo alla lettura, con piccole notazioni sulla città e le sue atmosfere e con quella vena di malinconia per un tempo che fu che fluisce in tutte le pagine. Mai melenso, a tratti duro, si legge in un soffio, con delizia e leggerezza, senza essere superficiale. 

Note a margine: Come eravamo diversi un tempo! Più forti, più capaci di sopportazione e di sacrifici, ma sempre guidati dall'amore potente che la vita dura forgia e nutre...

La signorina Crovato, di Luciana Boccardi, Fazi editore, 2021, 328 pagine.

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. Per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

Quella sporca dozzina di libri top (i migliori del 2021)

 Non amo particolarmente le liste (sono una cartacea, per cui la mia lista è scritta a mano in un taccuino), ma vorrei fare un resumé  del mio anno letterario, citando solo i libri che più mi sono piaciuti, con un piccolo commento (ogni libro citato corrisponde a un post con il commento completo). L'ordine è di lettura, non di merito. Iniziamo... - Le regole della Casa del Sidro , di John Irving: il mio secondo libro preferito di un autore che amo moltissimo. Il primo è Hotel New Hampshire . Consigliato a chi ama i libri lunghi, che indugiano sul carattere dei personaggi, dettagliati e molto intelligenti, che affrontano temi importanti importanti. Leggi qui il post - Eleanor Oliphant sta benissimo , di Gail Honeyman. Consigliato a chi cerca un personaggio femminile particolare, curioso; a chi ha voglia di passare un po' di tempo con un'amica. Leggi qui il post - Sangue inquieto , di Robert Galbraith (ovvero J.K Rowling). Ça va sans dire , consigliato a chi ama Cormoran Str

Denti bianchi, di Zadie Smith

Leggo poca letteratura italiana. Lo ammetto, è così. Ci sono autori che mi piacciono molto, ma tendenzialmente le mie letture sono straniere. Non è una forma di snobismo o di esterofilia, è solo che trovo che gli autori italiani contemporanei non abbiano più la capacità di sfondare le pareti di casa e farvi entrare il mondo. Una volta ci riuscivano: la Morante, Moravia, Calvino, Pavese, la Deledda, Pirandello… nelle storie umane intime trapelava quello che erano la società, i costumi, le idiosincrasie e i grandi avvenimenti. Testori, uno su tutti, era un mago in questo con le sue storie di operai e prostitute che riflettevano la dignitosa miseria del proletariato milanese. Ora, la sensazione è che non ne siano più capaci. Le storie si avvitano sempre un po’ intorno all’ombelico dei protagonisti e lì rimangono, più o meno dolorose o divertenti, più o meno quotidiane o particolari, ma sempre piccole storie di piccole persone restano. E questo va incontro al gusto di molti che amano le pi