Passa ai contenuti principali

Una donna in guerra, di Roberto Costantini


Difficilissimo questo commento a un libro che è il secondo di una serie. Rischio di spoilerare non solo questo, ma anche quello precedente, per cui rimando innanzitutto al commento a Una donna normale, primo libro che introduce il personaggio di Aba Abate e apre la strada a tutta la vicenda. 

La prima cosa che mi sento di dire è che il libro non finisce e non c'è ancora una data certa di uscita del terzo, per cui se non siete pronti a restare appesi con il fiato sospeso, aspettate a leggerlo.

Dopo essermi lavata la coscienza con questo avvertimento, procedo. Protagonisti di Una donna in guerra sono, in gran parte, gli stessi. Aba Abate, impiegata-madre e moglie-spia con lo nome in codice Ice; suo marito Paolo e i due figli, Cristina e Federico, sempre alle prese con problemi quotidiani di crescita e di vita domestica; il collega di Aba, Giulio Bonan e suo padre, avvocato divorzista con risvolti di mistero; il capo Maria Giovanna Cordero; Jane Wesbach, americana agente della Cia che sarà la chiave di volta della vicenda legale di Aba. Qualsiasi cosa io possa dire di più o qualsiasi altro personaggio io possa citare, sarebbe un'indicazione su questo libro o il precedente, per cui non dirò altro. Ma posso senz'altro affermare che questo secondo libro è molto intrigante, tiene incollati al divano quanto il primo e sviluppa una vicenda già iniziata (e che, lo ricordo, non finisce) con ancora più intensità, visto che i personaggi, i loro caratteri e i loro reciproci rapporti sono già stati introdotti e quindi li conosciamo già piuttosto bene. C'è sempre l'alternarsi di prima e terza persona di Aba/Ice che scandisce le sue due vite, quella di impiegata, moglie e madre e quella di spia impegnata a sventare attacchi terroristici da parte di little boy libici. Aba sarà infatti costretta ad affrontare i suoi demoni sia fuori che dentro casa, facendo i conti con scelte che comporteranno il sacrificio più grande: lasciare andare i suoi figli. Contemporaneamente, è a contatto con "l'altro mondo", quello dei ragazzini innocenti che diventano carne da macello o soldati addestrati; quello in cui i bambini non vanno a scuola, ma si addestrano alla guerra; quello in cui un paio di scarpe può essere tutto... 

Come sempre Costantini ci tiene costantemente in bilico tra le nostre due coscienze, quella di occidentali abituati a uno stile di vita e quella che guarda alla diversità degli altri popoli alternando sospetto a pietà. E ci mette davanti ai nostri pregiudizi, a tratti facendoci vergognare (ovviamente parlo per me), a tratti chiedendoci cosa si potrebbe fare per rendere il mondo più "equilibrato". Nel frattempo c'è una parte che vorrebbe quello che ha l'altra, la quale lotta per tenersi stretto ciò che ha anche a scapito degli altri. Insomma, un circolo chiuso, che crea i fenomeni di cui parla Costantini, fenomeni che conosciamo pochissimo, anche un po' per scelta. Chiudo con la citazione di un dialogo del libro che è significativo per questo mio pensiero:

«Mi scusi, Generale, ma la sabbia è solo sabbia».
«Non il Sahara, Seamus. Non il Nilo. Quel fiume porta al Mediterraneo ciò che è l'esatto opposto della vostra civiltà. Bambini denutriti che combattono con il kalashnikov e ammazzano senza remore o pietà mentre da voi frequentano fin da piccoli quelle magnifiche scuole che insegnano a sopraffare gli altri senza sporcarsi le mani».
«Dura da secoli, Generale. Sarà sempre così».
«No, Seamus. Un giorno tutti questi nostri bambini attraverseranno quel deserto e quel mare. Non sui barconi, ma sulle vostre navi e sui vostri yacht, che saranno nostri. Stiamo lavorando insieme per questo!».

Una donna in guerra, di Roberto Costantini, Longanesi, 399 pagine. 

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. Per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Berta Isla, Javier Marías

Berta Isla è l'esempio perfetto di romanzo che continui a leggere senza riuscire a smettere, anche se in fondo non sai perché; che ti tiene incollata alla lettura, anche se in realtà non c'è una vicenda appassionante da seguire, né un finale misterioso da scoprire, né tantomeno azioni al cardiopalma da non poter interrompere. Berta Isla è un "dietro le quinte", e non a caso uso la metafora teatrale (io che del teatro mi nutro da sempre). È l'omino del cervello dei personaggi di le Carré, di Ludlum, di Follett... è ciò che succede laddove tutto ha inizio e tutto finisce nonostante quello che ci capita: la nostra anima. Siamo abituati a leggere libri di spionaggio al cardiopalma (Ludlum) o che scoperchiano complotti internazionali (le Carré) o che raccontano con eleganza le vicissitudini "quotidiane" dell'agente segreto in missione (l' Ashenden  di Maugham). È un genere che amo molto e di cui ho letto parecchio. Ma mai avevo incontrato un romanzo