Passa ai contenuti principali

Tuttalpiù muoio, di Filippo Timi ed Edoardo Albinati


 Filippo Timi è conosciuto perché è un attore di cinema straordinario. Poi perché è un attore di teatro straordinario. Poi perché è un regista teatrale, a mio parere un po' meno straordinario, o perlomeno altalenante, ma che ha un pubblico foltissimo e appassionato. Poi perché è, diciamolo senza ipocrisie da intellettuali, un gran figo (mi permetto di esprimermi così, in quanto questo è dichiaratamente un blog personale). Ma non tutti sanno che Filippo Timi è anche un bravissimo scrittore, che con Edoardo Albinati (Premio Strega 2016, con La scuola cattolica), ha saputo tradurre la sua vita accidentata e ribelle in un'autobiografia di forza inaudita.

«Nasco come tutti dalla mamma, come tutti a sette mesi dopo che la mamma per sbaglio si versa dell'acqua bollente sul pancione. 
Neppure la pancia di mia mamma era un posto sicuro.
Nasco terrorizzato». 

Questo l'incipit di un racconto che mette a nudo tutte le fragilità di Timi, con un coraggio non comune, una scrittura semplice e diretta e un'autoironia crudele e struggente. La prima persona ci mette direttamente in contatto con Filo, il protagonista indiscusso della storia, uno di quelli che per come nasce è destinato a una vita difficile con pochi, per non dire nessuno sbocco. 

Se sei mezzo cieco, balbuziente, povero e frocio, cosa puoi aspettarti dalla vita?

E invece Filo, a testa bassa come un ariete, sfonda il portone delle difficoltà e diventa Filippo Timi, combattendo contro se stesso e una società in cui è già difficile emergere se sei sano e ordinario, figuriamoci quando una personalità è così potente e a tratti distorta come la sua. Ma Filo ha fantasia, è estroso, dinamico, vive tutto a mille, nel bene e nel male, si butta, con tutte le sue paure sembra non aver paura di niente, perché in fondo, cosa mai potrà succedere? Tuttalpiù si muore. E allora via a provare tutto: droghe, sesso, palcoscenico. Quando uno nasce con tutti questi "deficit" fisici può fare solo due cose: soccombere o eccellere. E la via del teatro non può che essere eccellenza quando si possiede il talento di Filo. E allora, ecco che il teatro diventa palcoscenico vero e proprio di riscatto e Filo diventa Filippo Timi. Indossando le maschere dei personaggi, le assorbe e attraverso di essere sublima il suo essere ribelle, potente, dannatamente talentuoso. Filo sembra nato per essere attore:

Il mondo io non lo vedo concreto, è solo un espediente.
Il mondo sono tanti canovacci su cui improvvisare.

Con un linguaggio secco e crudo, che niente lascia all'immaginazione, a tratti poetico, alternando lirica e underground, il vincente tandem Timi/Albinati ci conduce attraverso la storia della nascita di un successo, dimostrando che l'arte può andare oltre a qualsiasi difetto: la balbuzie (quando recita non balbetta, mai), la tendenza alla dipendenza e alla mania (dalle droghe, dal sesso estremo e promiscuo, dall'autoerotismo), l'essere ipovedente (con i disparati espedienti che mette in pratica per leggere i copioni)... Come dire, la necessità aguzza l'ingegno, e conduce dritti dritti a vincere il Premio Ubu. 

Applausi, sipario, domani si va di nuovo in scena. 

Note a margine:
Per ragioni di lavoro ho avuto l'enorme piacere di conoscere Filippo Timi, anni fa, durante una premiazione e scambiarci due parole: mi hanno colpita gli occhi, dolcissimi e quella disinvoltura con cui ormai tratta la sua balbuzie, trasformandola in un punto di forza tenero e intelligente, come se il dover pensare alle parole e l'incaglio gli dessero la possibilità di dire solo quello che pensa, senza orpelli, senza divagazioni. Un incontro molto interessante. Al di là della bellezza del suo viso. 

Tuttalpiù muoio, di Albinati & Timi, Fandango Libri, 2006, 454 pagine, ma difficile da trovare nuovo in questa edizione. 

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

Quella sporca dozzina di libri top (i migliori del 2021)

 Non amo particolarmente le liste (sono una cartacea, per cui la mia lista è scritta a mano in un taccuino), ma vorrei fare un resumé  del mio anno letterario, citando solo i libri che più mi sono piaciuti, con un piccolo commento (ogni libro citato corrisponde a un post con il commento completo). L'ordine è di lettura, non di merito. Iniziamo... - Le regole della Casa del Sidro , di John Irving: il mio secondo libro preferito di un autore che amo moltissimo. Il primo è Hotel New Hampshire . Consigliato a chi ama i libri lunghi, che indugiano sul carattere dei personaggi, dettagliati e molto intelligenti, che affrontano temi importanti importanti. Leggi qui il post - Eleanor Oliphant sta benissimo , di Gail Honeyman. Consigliato a chi cerca un personaggio femminile particolare, curioso; a chi ha voglia di passare un po' di tempo con un'amica. Leggi qui il post - Sangue inquieto , di Robert Galbraith (ovvero J.K Rowling). Ça va sans dire , consigliato a chi ama Cormoran Str

Denti bianchi, di Zadie Smith

Leggo poca letteratura italiana. Lo ammetto, è così. Ci sono autori che mi piacciono molto, ma tendenzialmente le mie letture sono straniere. Non è una forma di snobismo o di esterofilia, è solo che trovo che gli autori italiani contemporanei non abbiano più la capacità di sfondare le pareti di casa e farvi entrare il mondo. Una volta ci riuscivano: la Morante, Moravia, Calvino, Pavese, la Deledda, Pirandello… nelle storie umane intime trapelava quello che erano la società, i costumi, le idiosincrasie e i grandi avvenimenti. Testori, uno su tutti, era un mago in questo con le sue storie di operai e prostitute che riflettevano la dignitosa miseria del proletariato milanese. Ora, la sensazione è che non ne siano più capaci. Le storie si avvitano sempre un po’ intorno all’ombelico dei protagonisti e lì rimangono, più o meno dolorose o divertenti, più o meno quotidiane o particolari, ma sempre piccole storie di piccole persone restano. E questo va incontro al gusto di molti che amano le pi