Passa ai contenuti principali

Tuttalpiù muoio, di Filippo Timi ed Edoardo Albinati


 Filippo Timi è conosciuto perché è un attore di cinema straordinario. Poi perché è un attore di teatro straordinario. Poi perché è un regista teatrale, a mio parere un po' meno straordinario, o perlomeno altalenante, ma che ha un pubblico foltissimo e appassionato. Poi perché è, diciamolo senza ipocrisie da intellettuali, un gran figo (mi permetto di esprimermi così, in quanto questo è dichiaratamente un blog personale). Ma non tutti sanno che Filippo Timi è anche un bravissimo scrittore, che con Edoardo Albinati (Premio Strega 2016, con La scuola cattolica), ha saputo tradurre la sua vita accidentata e ribelle in un'autobiografia di forza inaudita.

«Nasco come tutti dalla mamma, come tutti a sette mesi dopo che la mamma per sbaglio si versa dell'acqua bollente sul pancione. 
Neppure la pancia di mia mamma era un posto sicuro.
Nasco terrorizzato». 

Questo l'incipit di un racconto che mette a nudo tutte le fragilità di Timi, con un coraggio non comune, una scrittura semplice e diretta e un'autoironia crudele e struggente. La prima persona ci mette direttamente in contatto con Filo, il protagonista indiscusso della storia, uno di quelli che per come nasce è destinato a una vita difficile con pochi, per non dire nessuno sbocco. 

Se sei mezzo cieco, balbuziente, povero e frocio, cosa puoi aspettarti dalla vita?

E invece Filo, a testa bassa come un ariete, sfonda il portone delle difficoltà e diventa Filippo Timi, combattendo contro se stesso e una società in cui è già difficile emergere se sei sano e ordinario, figuriamoci quando una personalità è così potente e a tratti distorta come la sua. Ma Filo ha fantasia, è estroso, dinamico, vive tutto a mille, nel bene e nel male, si butta, con tutte le sue paure sembra non aver paura di niente, perché in fondo, cosa mai potrà succedere? Tuttalpiù si muore. E allora via a provare tutto: droghe, sesso, palcoscenico. Quando uno nasce con tutti questi "deficit" fisici può fare solo due cose: soccombere o eccellere. E la via del teatro non può che essere eccellenza quando si possiede il talento di Filo. E allora, ecco che il teatro diventa palcoscenico vero e proprio di riscatto e Filo diventa Filippo Timi. Indossando le maschere dei personaggi, le assorbe e attraverso di essere sublima il suo essere ribelle, potente, dannatamente talentuoso. Filo sembra nato per essere attore:

Il mondo io non lo vedo concreto, è solo un espediente.
Il mondo sono tanti canovacci su cui improvvisare.

Con un linguaggio secco e crudo, che niente lascia all'immaginazione, a tratti poetico, alternando lirica e underground, il vincente tandem Timi/Albinati ci conduce attraverso la storia della nascita di un successo, dimostrando che l'arte può andare oltre a qualsiasi difetto: la balbuzie (quando recita non balbetta, mai), la tendenza alla dipendenza e alla mania (dalle droghe, dal sesso estremo e promiscuo, dall'autoerotismo), l'essere ipovedente (con i disparati espedienti che mette in pratica per leggere i copioni)... Come dire, la necessità aguzza l'ingegno, e conduce dritti dritti a vincere il Premio Ubu. 

Applausi, sipario, domani si va di nuovo in scena. 

Note a margine:
Per ragioni di lavoro ho avuto l'enorme piacere di conoscere Filippo Timi, anni fa, durante una premiazione e scambiarci due parole: mi hanno colpita gli occhi, dolcissimi e quella disinvoltura con cui ormai tratta la sua balbuzie, trasformandola in un punto di forza tenero e intelligente, come se il dover pensare alle parole e l'incaglio gli dessero la possibilità di dire solo quello che pensa, senza orpelli, senza divagazioni. Un incontro molto interessante. Al di là della bellezza del suo viso. 

Tuttalpiù muoio, di Albinati & Timi, Fandango Libri, 2006, 454 pagine, ma difficile da trovare nuovo in questa edizione. 

Il gatto nella foto: questi piccoli multipli d'arte seguono i percorsi immaginati dall'autrice, Antonella Cicalò, ma possono interpretare anche il flusso dei pensieri del committente che darà così lo spunto per realizzare il suo personale “gatto maestro”, unico e irripetibile. Questi collages sono realizzati con frammenti di riviste letterarie e da collezione, stagnola, legno da recupero e componenti industriali del pet food. Ogni pezzo è unico. per visitare il suo sito, qui !

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Berta Isla, Javier Marías

Berta Isla è l'esempio perfetto di romanzo che continui a leggere senza riuscire a smettere, anche se in fondo non sai perché; che ti tiene incollata alla lettura, anche se in realtà non c'è una vicenda appassionante da seguire, né un finale misterioso da scoprire, né tantomeno azioni al cardiopalma da non poter interrompere. Berta Isla è un "dietro le quinte", e non a caso uso la metafora teatrale (io che del teatro mi nutro da sempre). È l'omino del cervello dei personaggi di le Carré, di Ludlum, di Follett... è ciò che succede laddove tutto ha inizio e tutto finisce nonostante quello che ci capita: la nostra anima. Siamo abituati a leggere libri di spionaggio al cardiopalma (Ludlum) o che scoperchiano complotti internazionali (le Carré) o che raccontano con eleganza le vicissitudini "quotidiane" dell'agente segreto in missione (l' Ashenden  di Maugham). È un genere che amo molto e di cui ho letto parecchio. Ma mai avevo incontrato un romanzo