Passa ai contenuti principali

Nulla ti cancella, di Michel Bussi


Ben tornato, Michel Bussi! Mi mancavi! Con quest'ultimo lavoro il tuo genio narrativo e di costruzione della trama gialla è tornato alla grande! Sì, avevo trovato piacevoli Fuori di Senna, Mai dimenticare e La doppia madre; carini, mi hanno fatto passare qualche ora di suspense e interrogativi ben posizionati... ma Ninfee nere e Quaderno rosso sono rimasti pietre di paragone solide e ben piantate in terra. Ma con quest'ultimo, fresco di stampa, Nulla ti cancella si può prendere in mano la pala e cominciare a scalzare un po' almeno quella di Quaderno rosso

Sì, perché è costruito davvero benissimo. Maddi Libéri, medico di famiglia, vive con il figlio Esteban a Saint-Jean-de-Luz, paese francese affacciato sull'oceano, quasi al confine con la Spagna. In una mattina ventosa Esteban resta sulla spiaggia e non torna a casa. Convinta che abbia fatto una brutta fine causata da un rapimento Maddi si rifà una vita, ma il pensiero di Esteban la perseguita, tanto da spingerla a trasferirsi in un paesino dell'Alvernia, al seguito di un fantasma. Un fantasma che si chiama Tom, che Maddi vede sulla stessa spiaggia dov'era sparito il figlio, a dieci anni dal giorno della scomparsa, proprio quel giorno lì: un bambino identico a Esteban, che indossa lo stesso costume da bagno, indaco con una balena ricamata. Il trasferimento la porterà a diventare il medico di Tom e della madre Amandine e a scoprire sul suo corpo la stessa voglia che aveva Esteban. E conoscendolo, a scoprire che aveva con il suo figlio scomparso così tanti punti in comune curiosi e incredibili che la inducono ad andare là dove una mente scientifica da medico non osa spingersi: a crede nella reincarnazione e a convincersi che quel bambino di dieci anni è il suo figlio adorato reincarnato. Naturalmente la verità si scopre piano piano, tra rivelazioni e colpi di scena. Il meccanismo di Bussi è perfetto, gli avvenimenti concepiti in modo impeccabile, i personaggi chiari e coerentissimi. E il finale è una carezza. Non dico altro, per non anticipare nulla. 

Quello che posso dire è che come sempre Bussi ci porta in luoghi curiosi da scoprire (qui sono rimasta colpita dalle grotte di Jonas, caverne scavate dai primitivi in una parete rocciosa, che negli anni hanno cambiato ruolo nel paesaggio e nella vita della popolazione) e ci fa conoscere personaggi particolari e molto caratterizzati: la "strega" Aster tra tutte e la bellissima figura dello psicologo Wayan, ma anche Gabriel, Savine, Nectaire, Jonas... Si resta incollati alle pagine, tra mille congetture, ribaltamenti di piano, stupore e commozione.

In più, una curiosità personale: mi ha colpito il fatto che Esteban comprasse tutte le mattine alla boulangerie una baguette e un cannelé al miele. Esattamente quello che ho preso a Montmartre l'ultima volta che sono stata a Parigi. Ecco, niente di che ma mi ha colpita questa coincidenza (sperando di non sparire, ahahahahah).

Insomma, ripeto, ben tornato Bussi! Che tu possa rimanere su questa strada!

Nulla ti cancella, di Michel Bussi, edizioni e/o, 2022, 453 pagine. Traduzione di Alberto Bracci Testasecca.

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Denti bianchi, di Zadie Smith

Leggo poca letteratura italiana. Lo ammetto, è così. Ci sono autori che mi piacciono molto, ma tendenzialmente le mie letture sono straniere. Non è una forma di snobismo o di esterofilia, è solo che trovo che gli autori italiani contemporanei non abbiano più la capacità di sfondare le pareti di casa e farvi entrare il mondo. Una volta ci riuscivano: la Morante, Moravia, Calvino, Pavese, la Deledda, Pirandello… nelle storie umane intime trapelava quello che erano la società, i costumi, le idiosincrasie e i grandi avvenimenti. Testori, uno su tutti, era un mago in questo con le sue storie di operai e prostitute che riflettevano la dignitosa miseria del proletariato milanese. Ora, la sensazione è che non ne siano più capaci. Le storie si avvitano sempre un po’ intorno all’ombelico dei protagonisti e lì rimangono, più o meno dolorose o divertenti, più o meno quotidiane o particolari, ma sempre piccole storie di piccole persone restano. E questo va incontro al gusto di molti che amano le pi