Passa ai contenuti principali

Vergogna, di J.M. Coetzee


J.M. Coetzee con Vergogna vince il Booker Prize nel 1999 e poi, con la sua carriera, il Nobel per la Letteratura nel 2003. Ci porta in Sudafrica. Terra di scontri, di apartheid, di contrasti fortissimi. David Lurie è un insegnante di città del capo che dopo una "relazione" con una sua studentessa viene accusato di violenze sessuali e si trasferisce dalla figlia Lucy in campagna, in un territorio ostico sia dal punto di vista etnico che culturale. 

Piano piano si ambienta e va a fare il volontario da una veterinaria che si occupa di sopprimere i cani malati, che sono tantissimi e si riproducono a ritmo serrato. 

Un giorno lui e la figlia vengono aggrediti in casa, rapinati e Lucy viene stuprata da tre uomini. Questo innesca una reazione di rabbia cieca e rancore in David, alimentata dal rifiuto di Lucy a denunciare. Ma non si denuncia in Sudafrica perché potrebbe essere controproducente e farti apparire debole. 

E la vergogna allora qual è? Quella di David per essere stato accusato di violenza sessuale? Quella di Lucy per non essere stata in grado di difendersi ed essere stata usata da degli uomini? Quella di David di aiutare altri esseri viventi a morire? David si sente addosso «l'odore della vergogna», nel momento in cui sta sopprimendo un cane ma sarebbe stato lo stesso se sua figlia non fosse stata violentata? La vergogna di David ha origine nel non essere riuscito a proteggerla?

O la vergogna è quella di un Paese che non è in grado di far vivere in pace i propri figli? Che crea continue tensioni? Che non riesce a convivere con una differenza etnica complessa ma non unica al mondo? Gli unici a non provare vergogna sono anche gli unici che dovrebbero provarla. Ma qui non funziona così. Qui quando vuoi una cosa te la prendi, perché è l'unico mezzo per ottenerla. Qui tutti sanno e nessuno parla, perché il prossimo potrebbe essere lui. 

Come sparare ai pesci in un barile. Disgustoso, eppure probabilmente inebriante, in un Paese dove i cani sono addestrati a ringhiare al semplice odore di un negro. 

Un libro splendido, durissimo, scritto con una prosa tagliente, come la terra di cui parla, che dice molto di più di quello che narra.

Da leggere!

È un rischio possedere delle cose: un'auto, un paio di scarpe, un pacchetto di sigarette. Non ce ne sono abbastanza per tutti, non ci sono auto, scarpe e sigarette a sufficienza. Troppa gente, troppo poche cose. Quel che c'è deve circolare, in modo che tutti possano essere felici per un giorno. Questa è la teoria: attieniti alla teoria e cerca di trarne il conforto che puoi. Non si tratta di cattiveria umana, sono di un vasto apparato circolatorio, nel cui ambito pietà e terrore sono irrilevanti. È così che bisogna vedere la vita in questo Paese: in forma schematica. Altrimenti corri il rischio di impazzire. 

Vergogna, di J.M. Coetzee, La biblioteca di Repubblica, 2003 (1999), 221 pagine. Traduzione di Gaspare Bona.

Post popolari in questo blog

Tre, di Valérie Perrin

  Puro intrattenimento, ottimo. Dopo Il quaderno dell'amore perduto (bruttissimo il titolo italiano; suonava così bene in francese: Les Oubliés du dimanche  [I dimenticati della domenica])  e Cambiare l'acqua ai fiori , la Perrin torna a parlare di passato e di come il passato sia inevitabile vettore delle nostre vite, nel bene e nel male; come non possa cancellarsi; come possa essere rifugio e pietra al collo, consolazione e condanna. Banale? Un po', indubbiamente. Ripetitivo? Anche, forse. Ma devo dire che non mi stanca mai. È una di quelle autrici che non consiglio di leggere in modo "seriale"; penso che tra un libro e l'altro sia meglio inserire altre letture per non rischiare di cadere un po' nella reiterazione del meccanismo. Ma se si vuole "staccare il cervello" con letture di evasione, avvincenti e scritte bene, allora la Perrin per me è perfetta.  Con Tre ci porta a La Comelle , un paesino della Borgogna, uno di quelli da cui i ragazzi

La variante di Lüneburg, di Paolo Maurensig

  Ho trovato per caso, tra altri libri, sistemando una casa per affittarla, La variante di Lüneburg di Paolo Maurensig . Incuriosita, non conoscendo l’autore né il titolo mi sono informata, scoprendo che è considerato un capolavoro nel suo genere. Beh, lo confermo. L’ho letto in un giorno, senza riuscire a staccarmene. Non amo etichettare i libri per genere, ma se dovessi farlo per questo, onestamente non saprei dove collocarlo. Inizia come un giallo, con la morte di un uomo d’affari e scacchista, Dieter Frisch , che viene catalogata come suicidio. Ma sul cui corpo viene ritrovata una scacchiera di stoffa, cosa che fa pensare invece più a un’esecuzione. Con un flashback del giorno prima della morte, ritroviamo Frisch in treno impegnato in una partita a scacchi con un collega. A un certo punto nello scompartimento entra un uomo, Hans Mayer , che comincia a raccontare una storia sul suo maestro-mentore-padre adottivo, Tabori , ex detenuto del lager di Berger Belsen che si scoprirà avere

Berta Isla, Javier Marías

Berta Isla è l'esempio perfetto di romanzo che continui a leggere senza riuscire a smettere, anche se in fondo non sai perché; che ti tiene incollata alla lettura, anche se in realtà non c'è una vicenda appassionante da seguire, né un finale misterioso da scoprire, né tantomeno azioni al cardiopalma da non poter interrompere. Berta Isla è un "dietro le quinte", e non a caso uso la metafora teatrale (io che del teatro mi nutro da sempre). È l'omino del cervello dei personaggi di le Carré, di Ludlum, di Follett... è ciò che succede laddove tutto ha inizio e tutto finisce nonostante quello che ci capita: la nostra anima. Siamo abituati a leggere libri di spionaggio al cardiopalma (Ludlum) o che scoperchiano complotti internazionali (le Carré) o che raccontano con eleganza le vicissitudini "quotidiane" dell'agente segreto in missione (l' Ashenden  di Maugham). È un genere che amo molto e di cui ho letto parecchio. Ma mai avevo incontrato un romanzo